Categorie
Future Stocks

S&P 500 aggiornamento target raggiunto

L’indice S&P ha finalmente chiuso il gap down lasciato aperto al principio del sell off concomitante alla proclamazione della pandemia covid-19. Chiusura settimanale che notifica la forte pressione in acquisto ancora in atto. Prossimo obbiettivo, il test dei massimi storici, livello raggiunto il quale si potrebbe  originare a uno storno relativamente breve durante il quale è probabile un incremento delle posizioni rialziste con orizzonte 3500 medio-breve, per puntare l’intorno di 4000 come da impostazione già discussa nell’articolo precedente.

Categorie
Future Stocks

Aggiornamento S&P 500 di inizio luglio 2020. USA presto ancora in rally !

Il maggior indice americano, dopo l’importante sell off degli scorsi mesi fino area 2150 e la riconquista di area 3000 punti, scambia in questi giorni in prossimità della sma 200 – area 3050. L’impostazione adesso è nuovamente, e direi anche poderosamente, rialzista. Nel breve, alla violazione rialzista di area 3150, le quotazioni sono proiettate in prima battuta verso la ricopertura del gap   down lasciato aperto all’inizio del panic sell registrato lo scorso marzo  (cfr il precedente articolo sullo stesso argomento). Nel medio/breve, area 3500 potrebbe essere raggiunta in alcune settimane. Nel medio periodo, prossimi 5 mesi, l’obbiettivo, ormai chiaro alla violazione di area 3400, sarà area 4150, con possibile estensione fino area4600.

Categorie
Stocks

Aggiornamento opportunità di acquisto a Piazza Affari

Dopo le disposizioni della BCE di ieri sullo stop dei dividendi per le banche in regime di Bail-In, va da sé che dalla lista titoli pubblicati nel precedente post vanno escluse Intesa, Unicredit, BPM e UBI.

Categorie
Stocks

Piazza Affari su minimi, opportunità di acquisto

In seguito al pesante sell-off di queste ultime settimane, molti titoli del paniere FTSE MIB scambiano in questo momento in prossimità dei minimi. Mentre appaiono  i primissimi segnali di rallentamento delle vendite e conseguentemente i primi acquisti, mi sembra interessante avere sotto mano una lista dei titoli più interessanti per guadagni nel medio periodo. Il criterio di selezione è molto semplice, sono i 20 titoli che offrono un dividendo superiore al 5% tra i più capitalizzati. La strategia è altrettanto semplice, acquisti durante le giornate di potenziali ulteriori ribassi e tenuta del titolo in portafoglio fino alla data di emissione del dividendo per valutare al ridosso della quale l’opportunità di vendere il titolo, incassando la plus-valenza, oppure incassare il dividendo per tenere ancora il titolo in prospettiva di ulteriori rialzi.

Di ciascun titolo considero, nell’ordine: la percentuale di rendimento, la capitalizzazione, e la volatilità rispetto all’indice di riferimento.

 

  1.   BANCA MEDIOLANUM, 14,38%, 3470585521, 1,48
  2.   INTESA SAN PAOLO, 12,12%, 27712368753, 1,30
  3.   FCA-FIAT CHRAYSLER, 12,06%, 12996870138, 1,98
  4.   POSTE ITALIANE, 11,79%, 9972316324, 0,90
  5.   ENI, 10,27%, 30436341920, 0,84
  6.   TENARIS, 9,68%, 6315889058, 0,99
  7.   AZIMUT H, 8,46%, 1666556442, 1,88
  8.   COVIVIO, 8,28%, 5041035796, 0,57
  9.   ATLANTIA, 7,54%, 9757153655, 0,79
  10.   UNICREDIT, 7,53%, 18682140475, 1,65
  11.   GENERALI, 7,44%, 18993007792, 1,13
  12.  UNIPOL SAI, 6,87%, 5974066561, 1,28
  13.   A2A, 6,49%, 3353250627, 0,95
  14.   BANCA BPM, 6,05%, 1999754099, 1,35
  15.   UNIPOL, 5,99%, 2154575618, 1,49
  16.   ITALGAS, 5,49%, 3694510288, 0,57
  17.   ENEL, 5,32%, 64154468575, 0,59
  18.   UBI BANCA, 5,32%, 2774013365, 1,34
  19.   PIRELLI & C., 5,28%, 3589999914, 1,24
  20.   RAI WAY, 5,28%, 1149199974, 0,93